Siamo in 309.. iscriviti anche tu! Clicca qui e togliti il pensiero   

 

  Autenticazione
Nome utente
Password
Invia dati   
  Menu principale
 
  Foto del momento
 

       
 Parapendio  
 
         

  

Ciao a Tutti, eccomi qui a parlarvi del PARAPENDIO, secondo me uno dei modi più divertenti ( ed economici ) per staccare i piedi da terra e VOLARE, si cari, VOLARE nel vero senso della parola. Decollare da un bel pendio erboso, lasciarsi coccolare dalla brezza andando a spasso per il cielo, sentirsi tirare verso l’alto da una mano invisibile, talvolta affettuosa come una carezza, talvolta più sgarbata e brusca, diventare un tutt’uno con l’ARIA, guadagnare quota ed apprezzare il paesaggio da una prospettiva normalmente assoluta prerogativa degli uccelli:

                                             CHE EMOZIONE!!!

 

 

 ( sequenze di un parapendista in decollo )

  Sviluppato alla fine degli anni ’80, il parapendio si è evoluto moltissimo raggiungendo risultati di rilievo in termini di prestazioni e sicurezza. Nonostante questo ha mantenuto alcune caratteristiche peculiari: facile trasportabilità ed una relativa semplicità d’uso (se confrontata con altre macchine studiate per il volo senza motore come il deltaplano, l’ala rigida o l’aliante).

 Per un maggiore approfondimento fatevi "un giro di termica" su www.wikipedia.org dove si trova una dettagliata descrizione, anche illustrata, di questa policromatica macchina volante. 

  

 

  

      Non è un’attività per super donne o super uomini e per praticarla non è necessario avere una preparazione atletica particolare salvo ci si orienti a settori specifici quali ad esempio l’acrobazia, le gare ad alto livello oppure ai voli di distanza ( il cd. cross-country). In questi casi curare un buon allenamento psico-fisico può essere un grande aiuto nel raggiungimento dell’obbiettivo.

   

 

   

 

 

 

 

 
     Se sei interessata/o a voler provare questa esperienza, e “trasformarti” da “terricola/o” in “volatile”, non occorre frequentare la scuola obbligatoria per conseguire l’attestato, stipulare una polizza RCT (obbligatoria) ed acquistare tutto il materiale, ma puoi fare un volo biposto. In questo modo andrai in volo con un pilota che “guiderà” per tè. Le uniche accortezze che devi avere, ed in questo potrei esserti utile, sono: verificare che il pilota sia abilitato a tale pratica, abbia l’estensione della copertura assicurativa per il passeggero in corso di validità e che sia BRAVO ( vedi anche COMPETENTE ). Per intenderci: non sempre la patente di guida viene rilasciata a chi  effettivamente è capace a guidare, ok‏!‏!‏!

 

 

                                          

 

 

(sequenze di un volo biposto con decollo ed atterraggio)

 

 Ciò detto, l’unica paura che devi avere è che una volta provato probabilmente non smetterai più!!!

 

 

Nella speranza che anche Tu ti possa ammalare di Volo, Ti saluto.

 

 

 Ale Pelo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

              

 

            

 

            

 

          

 

        

 

             

 

      

 

     

 

    

 

   

 

  

 

 

 

     

 

    

 

   

 

  

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  Immagini e colori di proprietà della Gilda dell'Occhio Crepato - Tecnologia web proprietaria: Lightbeam Last update : 22/10/2017